Consigli last minute: tre libri e una sorpresa

Tic tac, Natale è alle porte ormai. E voi siete pronti? Avete preso tutti i regali? Sicuri sicuri?
Beh, magari in realtà siete più preparati di me e siete già pronti, ma per coloro che non hanno ancora recuperato tutto tutto, ecco qui “mamma Natale MC” con tre consigli di lettura last minute (più una sorpresa finale).

Ve lo dico subito così vi mettete il cuore in pace: i libri che vi propongo oggi non hanno assolutamente niente a che fare con il Natale. Mi dispiace, ma i temi natalizi non sono proprio il mio forte (scusate la dura sincerità). Li definirei semplicemente come “tre libri che regalerei”. In particolare, quelli che vi sto per presentare sono tre libri che ho letto nel corso del 2020 e che, in un modo o nell’altro, mi hanno lasciato qualcosa che spero possano lasciare anche a voi 🎁

I titoli in questione sono: Ready Player One di Ernest Cline, Le armi della persuasione di Robert B. Cialdini e Live more sloth di Tim Collins. Tre libri che, considerando i temi trattati, non hanno assolutamente niente a che fare l’uno con l’altro.

Ready Player One

di Ernest Cline

Il primo libro di cui voglio parlarvi è il romanzo di fantascienza distopica Ready Player One di Ernest Cline. Lo so cosa state per dire… “che fantasia MC, sempre a parlare di distopia!”. Eh sì amici, mi dispiace, la distopia è il mio chiodo fisso. Non ci posso fare nulla. D’altronde, però, ognuno di noi ha i suoi lati negativi, no?
Rallegratevi però! Questo almeno non finisce male come il 99,99% dei libri distopici che si possono trovare sul mercato (1984, Il mondo nuovo, Fahrenheit 451… giusto per darvi qualche titolo). Forse ciò sarà dovuto al fatto che è un libro per ragazzi.

La storia si svolge nel 2045, dove la Terra, come in ogni buon romanzo distopico che si rispetti, è ridotta alla miseria a causa della sovrappopolazione e l’inquinamento. In questo mondo tormentato, però, esiste una via di fuga, una distrazione: l’OASIS (Ontologically Anthropocentric Sensory Immersive Simulation), un mondo virtuale creato dal programmatore James Halliday. Di fatto, questo mondo virtuale rappresenta il luogo in cui tutti vivono la loro vita, subordinando quella reale.
Il libro narra la storia di Wade Watts, un ragazzo dell’Ohio, e la sua avventura nell’OASIS alla ricerca dell’easter egg che, come detto dal programmatore Halliday al momento della sua morte, lascerà in eredità l’intero mondo virtuale. La storia poi si sviluppa secondo una serie di situazioni, eventi e intrighi che ora purtroppo non posso raccontarvi, altrimenti rischio di spoilerarvi tutto e ormai penso conosciate bene la mia policy del #nospoiler.
Ciò che mi interessa sottolineare maggiormente di questo libro è lo stretto legame con la cultura pop degli anni Ottanta. Wade, nonostante sia un ragazzo del 2045, è un super fan degli anni Ottanta, così come lo stesso Halliday. Sarà proprio questa sua passione a portarlo sempre più vicino alla fine della sua avventura.

Ps. Se questo libro vi attrae ma non avete voglia o tempo di leggerlo, vi suggerisco almeno di guardare il film (Ready Player One del 2018 con la regia di Steven Spielberg) se volete farvi due risate e passare una serata diversa dal solito. Il libro l’ho comprato proprio dopo aver visto il film.

Per quanto terrificante e dolorosa possa essere, la realtà è l’unico posto in cui si può trovare la vera felicità. Perché la realtà è reale. Mi capisci?

ERNEST CLINE
READY PLAYER ONE

Classificazione: 3.5 su 5.

Le armi della persuasione

di Robert B. Cialdini

E dopo la narrativa, passiamo ad una letteratura leggermente più scientifica. In particolare entriamo nell’ambito della comunicazione, della pubblicità e delle scienze sociali con Le armi della persuasione. Come e perché si finisce col dire di sì dello psicologo Robert B. Cialdini.

Vi è mai capitato di andare a fare la spesa per comprare una cosa e uscire con tre? O vi è mai successo di cambiare improvvisamente idea riguardo a qualcosa? Magari perché ve l’ha detto un vostro amico? E vi siete mai chiesti il perché di tutto ciò? Perché ci capita di dire di “sì” anche quando vorremmo dire di “no”?

Ebbene, queste sono tutte domande a cui può rispondere Robert Cialdini con il suo Le armi della persuasione. Un libro che ho deciso di leggere soprattutto per interesse personale e di studio. Lo consiglio a tutti coloro che sono interessati al mondo della comunicazione e non solo. Infatti, questo libro non parla di tecniche utilizzate prettamente nel campo pubblicitario, ma fa riferimento ad una più vasta gamma che definirei “umana”. Quelli presentati da Cialdini non sono infatti degli strumenti tecnici, che puoi imparare ed applicare. Sono delle condizioni, per così dire, totalmente umane.
Cialdini fa notare infatti come l’uomo stesso sia un grande “risparmiatore di energie”. L’uomo ha infatti la naturale propensione a ricercare delle scorciatoie, chiamate euristiche, per evitare di fare troppa fatica. Nel proprio libro, Cialdini presenta sei di queste strategie (impegno e coerenza, reciprocità, riprova sociale, autorità, simpatia e scarsità) che vengono utilizzate e sfruttate nella comunicazione interpersonale al fine di modificare degli atteggiamenti.

L’uomo è un risparmiatore di energie cognitive, un abile scopritore di euristiche e altre scorciatoie di ragionamento; sa trarre conclusioni da un minimo di informazioni e compiere sintesi fulminee su pochi dati presenti.

ROBERT B. CIALDINI
LE ARMI DELLA PERSUASIONE

Classificazione: 4 su 5.

Live More Sloth

di Tim Collins

Arriviamo infine al pezzo forte che ho selezionato per voi. Un libro in cui mi sono imbattuta per caso e che per me ha significato tantissimo: Live more Sloth: Slow Down, Chill Out and Live in the Sloth Lane di Tim Collins.

Non saprei nemmeno da dove iniziare per descrivere questo libro. O meglio, partirò col raccontarvi di come ho scovato questa perla. È una storia curiosa, dato che non avevo assolutamente programmato di acquistarlo. L’ho trovato del tutto per caso, in una libreria di Berna, in Svizzera. Dopo averlo acquistato sono andata alla Münsterplattform, mi sono seduta sul prato e ho iniziato a leggere. Mi è bastata una mezza giornata per innamorarmene follemente.
Di cosa parla, vi chiederete voi. Beh… parla degli animali più lenti e simpatici al mondo. Signore e signori, ho letto un libro che parla di bradipi! Cioè, non parla proprio di bradipi, ma della “filosofia dei bradipi”, della loro resilienza oserei dire. Diciamo che dal sottotitolo “slow down, chill out and live in the sloth lane” (trad. rallenta, rilassati e vivi nella “corsia del brapido”) è già facile capire di che cosa parla questo libro: rallentare, calmarsi e godersi la vita. Purtroppo, unica nota dolente, non ho trovato nessuna traduzione in italiano.

Se devo essere sincera, non poteva capitarmi libro migliore. Non solo perché è breve, svelto e davvero scorrevole (e considerate che io l’ho letto in tedesco), ma soprattutto perché ti permette davvero di rilassarti. Attraverso una leggera ironia, l’autore racconta cosa significa “vivere come un bradipo”: agitarsi solamente nei momenti in cui è necessario farlo, dedicarsi alle cose a cui si tiene davvero e non sentirsi in colpa se non si vuole fare qualcosa. Spesso la frenesia della vita contemporanea non ci permette di rilassarci come dovremmo (o come vorremmo), il bradipo non ha questi problemi. Il bradipo non vuole essere come il suo amico ratto che vive di fretta, che scorrazza di qua e di là facendo notare a tutti quanto è occupato. Il bradipo ragiona, si prende i suoi tempi e si preoccupa delle cose solamente quando ce n’è la necessità.

Un capitolo che ho davvero apprezzato è quello sul web e i social media. Secondo voi come reagisce il bradipo davanti a delle notifiche e a dei pop-up? Semplice, non si sente in colpa se ignora un messaggio, non si interessa dei like o dei commenti e, soprattutto, si prende del tempo per sé, senza computer o smartphone. Il bradipo sa che è importante passeggiare, gustarsi i pasti e riposare senza continue interruzioni. Soprattutto, il bradipo sa che per riposare come si deve, ha bisogno di staccarsi dai mezzi elettronici e digitali prima di andare a dormire.

Forse, a volte, dovremmo provare anche noi ad entrare nella mentalità del bradipo e chill out. Questi simpatici animali hanno molto da insegnarci.
Vi lascio una citazione dal libro che ne riassume il significato in maniera impeccabile. (ps. considerato che io ho il libro solamente in tedesco, ho deciso di riportare una mia traduzione… perdonatemi)

I bradipi conservano le loro energie per le cose importanti della vita, come la ricerca di foglie deliziose.
Come il bradipo, prova anche tu a impiegare le tue energie solo per le cose che ti stanno più a cuore.

Classificazione: 5 su 5.

Ma e se io volessi dedicarmi alla lettura ma non ne ho il tempo? Ecco delle strategie alternative.

Lo so, lo so. So già cosa state pensando arrivati a questo punto: “tutto bellissimo MC, ma io non ho tempo per leggere. Come faccio?”. Ebbene, la vostra MC sapeva che questa domanda sarebbe arrivata e ha pronta la soluzione per voi. Quale? Una parola: audiolibri.

“Sì okay, ma questo non è leggere”, starete dicendo voi e, in parte, vi devo dar ragione. Il mettersi un paio di cuffiette e stare fermi non eguaglia assolutamente leggere un libro, sfogliarne le pagine e sentire il profumo della carta. Su questo siamo tutti d’accordo. Può capitare però che, a volte, si sia presi così tanto da altro che non si possa trovare il tempo di leggere e quindi si provi ad “ottimizzare” i tempi. Quando si va in palestra, a fare la spesa o si fa una doccia, per esempio, perché non dedicarsi anche all’ascolto di un audiolibro?

L’altro giorno, quasi per caso, mi sono imbattuta in questo sito che si chiama Storytel (attenzione: #noadv non si tratta di pubblicità): un’app ad abbonamento che permette di scaricare e ascoltare audiolibri. Oltre all’abbonamento si possono anche acquistare delle gift card. Ecco il mio suggerimento: se volete regalare un libro ad un amico, ma sapete che questo non ha tempo per leggere, regalategli una gift card per un servizio che permette di ascoltare audiolibri 🎧


Vorrei concludere questo articolo facendovi una domanda: voi cosa consigliereste di fare ad una persona che vorrebbe leggere di più ma non ce la fa per mancanza di tempo? Aspetto le vostre risposte nei commenti qui sotto 👇 o, se preferite, sui nostri social o via mail!

Spero che questi consigli last minute vi siano piaciuti! Alla prossima e buon Natale. Spero davvero possiate godervelo tutti, nonostante la bizzarra situazione in cui ci troviamo ✨

MC.

Vuoi leggere altri articoli a cura di MC? Ecco a te 👇

Copertina articolo "Afroditelo allo specchio incontra VENERE" con Alisia Viola (curatrice) e Giulia Lazzaron (artista) a sinistra e opera a cura di Giulia sulla destra

Afroditelo allo specchio incontra VENERE: parliamo di body positivity

Oggi vi presento un’intervista a tu per tu con l’artista 𝗚𝗶𝘂𝗹𝗶𝗮 𝗟𝗮𝘇𝘇𝗮𝗿𝗼𝗻 e la curatrice 𝗔𝗹𝗶𝘀𝗶𝗮 𝗩𝗶𝗼𝗹𝗮, due giovanissime ragazze di Milano. Di cosa parliamo? Di body positivity, di accettazione e di amore… amore per se stessi 💓
Sei pronto ad innamorarti di te stesso?

#M(arte)dì con Nana Ghini

In questo #m(arte)dì vi presento Nana Ghini, artista trentina che riesce a “riportare in vita” le scatole di cartone, dando loro la possibilità di raccontare nuove storie 📦

3 risposte a "Consigli last minute: tre libri e una sorpresa"

Add yours

  1. Ciao a tutte!
    Non so veramente come esprimere a parole l’allegria e l’emozione che questo articolo mi ha trasmesso. Lo so che sarebbero delle idee per “regali” last-minute, ma lasciatemi dirvi che avete fatto voi un regalo a me con questi consigli di lettura.
    Ognuno di questi titoli rispecchia una parte di me: quella che fa viaggi immaginari nel futuro, la parte di me che è affascinata dal linguaggio e da come ce se ne può servire per infondere idee e infine il bradipo con cui io mi identifico benissimo. Nemmeno a me piace sentire la pressione della fretta e/o delle scadenze temporali, ma purtroppo la società ce le impone sempre più facendoci dimenticare i piccoli piaceri della vita. Ma voi, e il libro ovviamente, ci state rassicurando e dicendo che si vive lo stesso (e bene!) anche se non si riesce a fare tutto ciò che si dovrebbe; l’unica cosa che importa è la propria felicità e il proprio benessere.
    Grazie mille ragazze, specialmente a MC che ha saputo incredibilmente entusiasmarmi con queste proposte e farmi sentire più “normale”, specialmente perché ultimamente mi sentivo l’unica ad apprezzare gli audiolibri. Infatti, nessuno tra i miei amici era d’accordo con me sulla loro “genialità”, ma ora so che non sono l’unica a trovarli utilissimi (e anche belli!!).
    Ancora una volta grazie e vi auguro un felice Natale!

    Piace a 2 people

    1. Ciao Ana! Ti dirò, neanche io so esprimere a parole l’allegria e l’emozione che mi hai trasmesso con questo tuo commento ❤️ Sono letteralmente esplosa di felicità quando l’ho visto!
      Soprattutto, sono entusiasta di sapere che non solo ho dato dei buoni consigli (a proposito, anche io mi identifico benissimo con il bradipo 🦥), ma che sono addirittura riuscita a trasmettere tanta gioia!

      Grazie mille a te e felice Natale a nome mio e delle mie colleghe @martinabazzanella1 e @rebesandri 🙏🏼💫

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: