Buongiornissimo poetico #12: Lucio Dalla, Piazza Grande

Buongiornissimo, poesia? ☕️


Lucio Dalla, Sanremo 1972

Vi sono mancata? O meglio, vi sono mancate le “mie” poesie?
Senza che me ne rendessi conto è passato un mese dal mio ultimo Buongiornissimo Poetico. Qualche mese fa con le mie riflessioni su Padroni di Niente di Fiorella Mannoia vi ho spiegato il mio punto di vista sul legame tra la poesia e la musica. Quindi, per farmi perdonare, vi porto un’ulteriore prova delle mie teorie. E visto che è in corso il Festival della Canzone Italiana, ho scelto per voi uno dei (fior) fiori più belli e memorabili della storia Sanremo💐.
Ieri era il 4 marzo.
Per alcuni, questo 4 marzo ha rappresentato solo l’ennesimo giorno di un’incertezza dalla sfumatura arancione scuro. Per me, il 4 marzo rappresenta sempre il compleanno di uno dei più grandi cantautori – e poeti – italiani: Lucio Dalla.

Piazza Grande

Il 4/03/1943 (da cui una delle sue più memorabili canzoni) a Bologna nasceva Lucio Dalla. Ancora oggi, a nove anni dalla sua scomparsa, il cuore del cantautore continua a battere in ogni via della sua amata città, ed è impossibile passeggiare per le “Piazze Grandi” di Bologna senza pensare ai suoi occhiali rotondi. In onore del 78esimo compleanno di Dalla e del suo – ingiustissimo – 8° posto al Festival di Sanremo 1978, questa è la sua Piazza Grande:

Santi che pagano il mio pranzo non ce n’è
sulle panchine in Piazza Grande,
ma quando ho fame di mercanti come me
qui non ce n’è.

Dormo sull’erba e ho molti amici intorno a me,
gli innamorati in Piazza Grande,
dei loro guai, dei loro amori tutto so,
sbagliati e no.
A modo mio avrei bisogno di carezze anch’io.
A modo mio avrei bisogno di sognare anch’io.

Una famiglia vera e propria non ce l’ho
e la mia casa è Piazza Grande,
a chi mi crede prendo amore e amore do,
quanto ne ho.

Con me di donne generose non ce n’è,
rubo l’amore in Piazza Grande,
e meno male che briganti come me
qui non ce n’è.

A modo mio avrei bisogno di carezze anch’io.
Avrei bisogno di pregare Dio.
Ma la mia vita non la cambierò mai, mai,
a modo mio quel che sono l’ho voluto io

Lenzuola bianche per coprirci non ne ho
sotto le stelle in Piazza Grande,e se la vita non ha sogni, io li ho e te li do.

E se non ci sarà più gente come me
voglio morire in Piazza Grande,
tra i gatti che non han padrone come me
attorno a me

Scritta da Rosalino Cellamare (Ron) e messa in musica dallo stesso Dalla, questa canzone è diventata negli anni un vero e proprio tesoro della cultura italiana, tanto da apparire nel 2021 tra le tracce dell‘esame di maturità. Ancora oggi rimane incerto il riferimento alla Piazza: anche se per noi “stranieri” sarebbe spontaneo pensare immediatamente a Piazza Maggiore, alcune voci locali affermano che si tratti della più piccola e sconosciuta Piazza Cavour. Ad ogni modo, che si tratti di un luogo concreto o di pura fantasia, ciò che conta è che riusciamo a percepire il forte legame che lega la piazza al barbone (Dalla lo definì “un bohémien”) protagonista del brano musicale. Il testo della canzone è un potente inno alla libertà, ma è anche una tenera riflessione sull’essere umano e le sue necessità: come il clochard, anche noi siamo bisognosi di sogni e carezze, libertà e amore. Ognuno di noi identifica un luogo come casa sua e lo custodisce gelosamente, lasciandoci qualche briciola di cuore.

Questo brano mi trasmette un forte senso di familiarità. Ascoltandolo, mi sembra di riuscire a vedere una grande piazza durante una notte estiva stellata, piena di persone felici e sorridenti(esclusivamente senza mascherina!), si abbracciano, scherzano, vivono. Immagino il senzatetto sdraiato sulla sua panchina, gli occhi puntati al cielo, un sorriso sereno, la consapevolezza di una vita desiderata – nonostante tutto. Ascolto le parole e mi sento in pace, speranzosa. Torneremo a sorridere e ad abbracciarci nelle piazze, torneremo a sentirci liberi.

A venerdì prossimo (e buon compleanno Lucio❤️ )!
M.

3 risposte a "Buongiornissimo poetico #12: Lucio Dalla, Piazza Grande"

Add yours

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: