I brividi di Mahmood e Blanco all’Eurovision 2022

Eccoci finalmente giunti a quella che, dopo Sanremo, possiamo considerare la seconda “settimana santa” musicale! Si tratta del più grande festival musicale europeo, e l’evento non sportivo più seguito al mondo. Il suo esordio risale al 1956 (dopo cinque anni di trattative) a Lugano (Svizzera), e nasce dall’idea di trovare un evento che possa unire le nazioni europee dopo gli anni della Seconda Guerra Mondiale. La proposta che ha visto poi l’attuazione si deve a Sergio Pugliese, drammaturgo e giornalista italiano che ha proposto una gara canora basandosi sul festival di Sanremo.

Oggi inizia ufficialmente l’Eurovision Song Contest a Torino! Vi chiederete: “perché a Torino?”. Sono qui per spiegarvelo: il Paese vincitore riceve l’invito, non vincolante, di organizzare la manifestazione dell’anno successivo (se rinuncia, viene scelto un altro Stato tra i candidati). Quindi quest’anno, grazie alla vittoria del 2021 dei Måneskin a Rotterdam Ahoy, nei Paesi Bassi, l’onore, e onere, è spettato all’Italia, per la terza volta nella storia del festival. Per quanto riguarda la città, sono stati stabiliti diversi requisiti per poter partecipare alla selezione finale, tra cui la presenza di un aeroporto internazionale a non più di 90 minuti dalla città e la disponibilità di almeno duemila camere d’albergo nella zona vicina all’evento. Dopo una selezione, Torino si è rivelata rispettare tutti i requisiti richiesti, ed è stata scelta come città ospitante.

Oggi, durante la prima serata, ascolteremo 17 cantanti, mentre per gli altri 18 dovremo aspettare giovedì 12. E Mahmood e Blanco, che rappresentano l’Italia in gara in quanto hanno vinto il 72° festival di Sanremo? Per loro, dovremo aspettare sabato 14: l’Italia fa parte dei “big five” (Francia, Italia, Regno Unito, Spagna e Germania), che entrano direttamente in finale.


Non posso non citare un particolare davvero molto importante: quest’anno, il festival sarà finalmente accessibile anche in LIS (Lingua dei Segni Italiana) e con i sottotitoli, dal sito raiplay.it!

Ma sopratutto: voi l’avete ascoltata Brividi, la canzone vincitrice del Festival di Sanremo 2022 con la quale Mahmood e Blanco faranno gareggiare l’Italia? È una canzone che parla di un aspetto che ci portiamo dietro lungo tutta la vita: l’amore, o meglio, la (in)capacità di esprimerlo. Questo vale in particolare per gli uomini: fin da piccolissimi, quando piangono, si sentono dire ancora troppo spesso: “non fare la femminuccia”, ma perché, mi chiedo: solo le femmine provano emozioni?

Questi preconcetti proseguono, fino ad arrivare ad adulti che non sanno esprimersi, semplicemente perché sono stati addestrati a non farlo, ed eliminare questo muro richiede molto tempo e lavoro. Brividi mette in luce tutte le conseguenze: il non riuscire a esprimere ciò che si prova, connesso al desiderio di riuscire a farlo, di non perdere la persona che ci sta vicino e a cui teniamo molto. Devo ammetterlo, solitamente non ascolto questi due artisti, ma questa canzone ha superato le aspettative, fin dalla prima serata del festival di Sanremo ho pensato “beh, è proprio orecchiabile”. Inoltre, il suo significato viene espresso bene anche dal video della canzone, in cui si può percepire il conflitto interiore che caratterizza queste emozioni. Come? Non l’avete ancora visto? Non preoccupatevi: ve lo lascio qui sotto!

Video ufficiale di brividi, di Mahmood e Blanco

Un’altra piccola cosa (poi, promesso, vi lascio andare a preparare popcorn e maxischermi per l’Eurovision): questa rubrica si concentra sulla diffusione delle informazioni che riguardano la LIS e la cultura sorda in generale (non preoccupatevi, non voglio farvi entrare in nessuna setta), e quindi non posso non parlarne! Per realizzare la mia interpretazione del ritornello della canzone (che potete trovare su Instagram, sul profilo ufficiale di Afroditelo), mi sono basata sull’esecuzione degli interpreti che hanno reso accessibile il festival di Sanremo 2022, ma ho apportato qualche piccolo cambiamento che, a parer mio, rendeva la performance (no, non quella di Virginia Raffaele a LOL2), più poetica ed efficace. A tal riguardo, ci tengo a precisare una cosa: la LIS ha delle regole grammaticali fisse e altre più malleabili, come tutte le lingue. Gli adattamenti che vengono fatti in campo artistico, come nel caso delle canzoni in LIS, sono una sorta di “licenza poetica”: per rendere il tutto più ritmato e trasmettere meglio il senso della canzone, si possono modificare alcune regole (come l’ordine delle parole) o usare dei sinonimi.

Aspetto i vostri commenti sul festival (e su questa canzone), stay tuned!

Francesca

Hey ciao! Grazie di aver letto quest’articolo 🥰  Ti va di leggere ancora qualcosa? Dai un’occhiata qui sotto!

L’ultimo concerto

Tra i grandi della musica che l’Italia può vantare, Ennio Morricone si trova sicuramente tra i primi posti: le sue musiche, associate a diverse produzioni cinematografiche, hanno dato vita ad una serie di successi incredibili e ad una carriera che nessuno potrà mai dimenticare.

Torna Stromae, santé!

“Vedo la vita così: non è completamente bianca né completamente nera. Ci sono momenti difficili e momenti felici.”
Dopo anni di silenzio, il Maestro Stromae torna con un nuovo album in cui dimostra che dentro di noi ci sono sfumature bianche e nere e nere e bianche.

Stromae ci racconta come la vita lo ha portato a pensare di togliersi la vita e mette in musica la complessità umana.

Musica contro la mafia, “Pensa” di Fabrizio Moro

Musica e mafia: sembra una combinazione impossibile, eppure Fabrizio Moro la racchiude perfettamente nella sua canzone “Pensa”, una denuncia in note contro la mafia e la sua violenza. Vincitrice della categoria giovani di Sanremo nel 2007, “Pensa” vuole opporsi alla corruzione e all’omertà, ma soprattutto vuole combattere contro la mafia in nome di quelle persone, “uomini o angeli”, che si sono sacrificate per la sicurezza nostra e della nostra Italia.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito web o un blog su WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: