#Afroditeloconifiori: i Girasoli di Van Gogh

Ecco anche sul nostro blog la rubrica che unisce i fiori e la cultura. Arriva #Afroditeloconifiori! Chi di voi già ci segue sulle nostre pagine social sa che questa rubrica vede la collaborazione di una guest star. Per chi di voi ancora non la conosce, il suo nome è Cristiana (o Cris, per gli amici), fondatrice e amministratrice della pagina Instagram @crisflowerdiary 🌻
In ogni video, Cris ci parla dei suoi fiori, dei loro significati nascosti e del loro ruolo in alcuni dei dipinti più famosi al mondo! Ma bando alle ciance… vi lasciamo direttamente alle sue parole.

Parliamo di fiori 🌻

Ciao! Sono Cris e oggi voglio portarvi nel mio mondo… un mondo particolare e molto affascinante, che magari alla prima impressione vi potrà sembrare lontano da Afroditelo. Eppure, se ci pensate un attimo, il legame con la cultura è vivo e molto intenso.

Di cosa vi parlo? Di fiori e del loro significato!

Prima però di entrare nel vivo della relazione simbiotica che lega i fiori al mondo dell’arte, volevo spendere un paio di parole sulla mia grande passione.
I fiori ci attraggono sin dall’infanzia, e tutti cresciamo sapendoli – chi più chi meno – differenziare e riconoscere. Ma mi chiedevo: avete mai pensato che anche i fiori possano comunicarci qualcosa, o che siano una sorta di portatori di messaggi segreti?
Per rispondervi m’improvviserò Alberto Angela: l’attribuzione di un significato simbolico ai fiori e alle piante risale fin all’antichità, in particolare ci riferiamo a Medioevo e Rinascimento, quando ai fiori vennero affidate delle connotazioni morali.

Secondo alcune fonti, l’usanza del linguaggio dei fiori nasce lontano dalle nostre fiorerie fornitissime e globalizzate: pare che tutto ebbe inizio negli harem della Turchia del Settecento, dove i fiori venivano utilizzati dalle donne per recapitare messaggi in codice al sultano. Questo linguaggio, il “Selam”, è particolarmente complesso… in breve, i significati venivano assegnati: in base al numero dei fiori, alla disposizione, ai colori e a diversi generi, ai quali venivano fatti corrispondere precisi stati d’animo, appuntamenti o rimproveri.
Questa usanza fu esportata in Inghilterra nella prima metà del Settecento da Lady Mary Wortley Montagu, moglie di un ambasciatore inglese in Turchia.

Il linguaggio dei fiori, conosciuto come fiorigrafia, si affermerà però come mezzo di comunicazione molto diffuso soltanto nell’Ottocento. È chiaro che solamente una cerchia ristretta, ovvero solo i conoscitori di questo codice, se ne servivano. Questo particolare linguaggio faceva sì che i fiori e gli allestimenti floreali venissero utilizzati per esprimere emozioni e sentimenti che non sempre potevano essere esternati o pronunciati.

I fiori nella storia dell’arte: l’esempio dei Girasoli di Van Gogh

Ma ora… veniamo a noi! Chi non ha ancora visto su Instagram gli IGTV delle mie chiacchierate artistico-floreali con @Rebecca, non sa che ci piace andare ad indagare sui fiori rappresentati nei dipinti che più hanno segnato la storia dell’arte. Allora ecco a voi un piccolo compendio del nostro primo incontro:

Sarà per la preponderanza del giallo, sarà per il mio amore incondizionato verso Van Gogh, ma sono felice di iniziare questa rubrica proprio dai famosissimi, controversi e discussi “Girasoli” (1898-1899).

I Girasoli di Van Gogh dipinti nel 1889 e che oggi si trovano al Van Gogh Museum di Amsterdam (NL)
I Girasoli (1889) di Van Gogh
al Van Gogh Museum (Amsterdam, NL)

Sono numerose le tele rappresentanti questo fiore che Van Gogh ci ha lasciato: in ogni sfumatura e pennellata di colore giallo vi era il desiderio di trasmettere all’osservatore la vitalità propria di questa specie. Con ogni tocco di colore sulla tela, Vincent ha la capacità di trasportare chi osserva nei meandri della scena, facendolo immergere in quella natura che egli amava incondizionatamente.

Nella celebre serie di quadri oggi divisa tra New York, Otterlo, Amsterdam e Berna, i girasoli sono ritratti nel loro ciclo della vita completo, dal bocciolo all’appassimento. Simbolo dei cicli regolatori tra vita e morte, questi fiori – a cui spesso vengono erroneamente attribuiti un riferimento al tormento interiore del pittore – sono anche segno della gioia e dell’ottimismo trasmessi a Van Gogh, che era solito contemplarli durante le sue sessioni di studio.

Non a caso, infatti, in fiorigrafia questo fiore è legato a messaggi di positività ed allegria: come ‘portatore di allegria’ il suo ruolo sarebbe quello di comunicare vivacità, ammirazione e rispetto. Nell’antichità i girasoli, per via del loro colore, rappresentavano il Dio Sole, e sembra proprio che sia l’analogia tra sole e colore a far sì che gli venga associato un significato allegro e spensierato.

Inoltre, nella sua declinazione contemporanea, il girasole si è trasformato in un emblema di amore, devozione, lealtà e ammirazione, portando tuttavia con sé anche l’accezione di amore non ricambiato. NelleMetamorfosi di Ovidio si narrano infatti le vicende della ninfa Clizia, perdutamente innamorata di Apollo: ogni volta che Apollo passava in cielo per portare il sole, la ninfa lo seguiva con lo sguardo. Purtroppo il suo amore non era corrisposto, e dopo nove giorni lui finì per trasformarla in un girasole.

Penso che il girasole sia il fiore perfetto da regalare ad un amico o un collega che ha raggiunto un traguardo importante, o a chi festeggia un momento felice, poiché si presta a rappresentare ammirazione e rispetto oltre che successo.

A presto,
Cris
#afroditeloconifiori

Che ne dici di guardare un video?

Oltre all’articolo, Cris ha girato anche un breve video per noi che potete trovare qui sotto 👇

Immagine profilo Instagram di #crisflowerdiary con i suoi girasoli
Vuoi conoscere meglio Cris?
Instagram @crisflowerdiary

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: