Netflix, servo delle mie brame…

Qual è la serie più imperdibile del reame?

Chi di noi non vorrebbe avere uno specchio magico che fornisca consigli sulla prossima serie tv da guardare? E magari, già che ci siamo, fare in modo che questo specchio ci conosca talmente bene da indicarci sempre la serie tv perfetta per noi? Purtroppo, nonostante l’avanzamento tecnologico che continua a stravolgere le nostre vite, questo prodotto rivoluzionario deve ancora apparire sulla nostra wishlist di Amazon.

E, sfortunatamente, non ho il potere di leggere nelle menti di ognuno di voi per riuscire a individuare la serie tv che fa al caso vostro… quello che posso fare, però, è improvvisarmi “specchio magico” per parlarvi di alcune serie tv che mi sono piaciute moltissimo e che, senza dubbio, consiglierei di cuore a tutti quanti.

Durante le scorse tre settimane vi ho presentato brevemente – attraverso delle stories (ora in evidenza alla voce “FILM”) sul nostro profilo Instagram tre serie TV targate Netflix che, tra le tante viste di recente, mi hanno colpito in modo particolare. Si tratta di generi, vicende e durate molto differenti, ma ognuna di loro mi ha tenuta ugualmente incollata davanti allo schermo, obbligandomi a schiacciare – in modo quasi ossessivo compulsivo – il tasto “PROSSIMO EPISODIO”.

Ecco per voi, dunque, le mie tre serie Netflix del momento:


La regina degli scacchi (2020)

Di: Scott Frank
Con:
Anya Taylor-Joy, Thomas Brodie-Sangster, Harry Melling
Genere:
Drammatico
Durata:
1 stagione (7 episodi)

Basata sull’omonimo romanzo (1983) di Walter Tevis, questa miniserie ha, ormai, ben poco bisogno di introduzioni o di pubblicità. Nel giro di appena qualche settimana, infatti, la miniserie scritta e diretta da Scott Frank (Io & Marley, The Interpreter, Wolverine – L’immortale) è entrata nella top 10 dei contenuti più visti in tutti e 92 i Paesi in cui Netflix è presente. Per darvi una cifra indicativa: è stata vista da più di 60 milioni di abbonati. Inoltre, l’arrivo su Netflix della serie ha scatenato una vera e propria passione per il gioco degli scacchi, determinando un boom di acquisto di scacchiere a livello mondiale. Pazzesco.

Ma oltre, ovviamente, a parlare di scacchi… di cosa tratta?

La Regina degli Scacchi racconta l’ anticonvenzionale storia d’amore tra l’orfana americana Elizabeth Harmon e gli scacchi, tra gli alti e bassi di una vita che non finisce mai di riproporsi come una sfida. Avvincente e coinvolgente, una garanzia per i binge-watchers. Un ritmo incalzante e un cast molto interessante che, uniti ad un’estetica davvero intrigante, vanno a costituire una vera chicca.


The politician (2019 – in corso)

Di: Ryan Murphy
Con:
Ben Platt, Zoey Deutch, Lucy Boynton, Gwyneth Paltrow, Jessica Lange
Genere:
Commedia Nera
Durata:
2 stagioni (15 episodi)

Ryan Murphy è una macchina da guerra della produzione televisiva. Chi di voi non riconosce il nome, sicuramente conoscerà le sue serie tv. È a Murphy, infatti, che dobbiamo la fortunatissima American Horror Story, ma anche Nip/Tuck, Scream Queens, Feud, Pose e le più nuove Hollywood e Ratched (di cui vi ho parlato su Instagram il mese scorso). In ultimo – non perché sia meno importante – bisogna citare Glee (2009-2015), serie tv musicale che ha lanciato sul piccolo schermo numerosi attori (tra i tanti: Darren Criss, Dianna Agron, Lea Michele) e che ha segnato i pomeriggi su Italia 1 della mia generazione. Ho voluto menzionare Glee per ultima perché, con The Politician, Murphy ci si riavvicina molto per stile e contenuti, ma punta più in alto e raffina il messaggio.

The Politician racconta la scalata sociale dell’ambizioso Payton Hobart, liceale ricco e carismatico che sogna di diventare Presidente degli Stati Uniti. Potrà sembrare un semplice teen drama, ma – come ben sapete – “l’apparenza inganna”: grottesca e brillante, questa serie tv riesce a dare un quadro della politica americana e delle problematiche sociali legate ad essa, senza mai risultare pesante o tediosa, perfetta per chi vuole ridere, ma anche riflettere. Un intreccio che a volte profuma di soap opera, ma che finisce col fare sempre centro, com astuzia e originalità.


The Crown (2016 – in corso)

Di: Peter Morgan
Con:
(il cast varia ogni due stagioni) Claire Foy/Olivia Colman, Matt Smith/Tobias Menzies, Vanessa Kirby/Helena Bonham Carter, Gillian Anderson, Emma Corrin…
Genere:
storico, drammatico
Durata:
4 stagioni (40 episodi)

Disclaimer: niente di quello che scriverò nei paragrafi seguenti può rendere giustizia a questo capolavoro. Ora che mi sono tolta questo peso, posso procedere.

Sin dalla sua prima uscita nel lontanissimo 2016, The Crown ha fatto scalpore – non esclusivamente in maniera positiva – per i fatti narrati e per la cura maniacale dedicata ad ogni singolo dettaglio. Un’ attenzione assolutamente degna di grandi trionfi del grande schermo, determinata sicuramente da un’ ensemble di cast e crew provenienti dal mondo del cinema.

Eppure, nonostante il grande successo, la prospettiva di cominciare questo “mostro sacro” di Netflix mi intimoriva. Forse, mi aspettavo che sarebbe risultata troppo pesante. Forse, non ero particolarmente attratta dalla storia della famiglia reale inglese. Comunque, la curiosità alla fine ha avuto la meglio, e ho ceduto anch’io… ma non è stato di certo un colpo di fulmine.

All’inizio ho fatto difficoltà ad ingranare, poi sono entrata nel mood e ho capito: The Crown è una serie che va assaporata in ogni sua sfumatura. Se volete uno snack per placare la fame, forse non fa al caso vostro.

Okay… Ma questa “crown”, a chi appartiene?

Dopo l’acclamatissima sceneggiatura del film The Queen (2002) – che vedeva la Regina Elisabetta II alle prese con gli eventi legati alla tragica morte di Lady Diana Peter Morgan torna a scrivere della casa reale di Windsor, questa volta prendendo le mosse dal matrimonio di Elisabetta II con Filippo, Principe di Grecia e Danimarca, e avventurandosi poi, stagione dopo stagione, nei meandri della storia dell‘Inghilterra del Ventesimo Secolo.

Ammaliante ed emozionante, ci regala un viaggio nella dimensione più umana ed emotiva di esseri umani che siamo soliti etichettare come personalità istituzionali bidimensionali. La quarta stagione in particolare, con l’avvento del governo Thatcher – interpretata da una spettacolare Gillian Anderson – e la verità sull’apparente matrimonio da favola del Principe Carlo e Diana Spencer, ci incoraggia a guardare più in là delle copertine patinate e dei titoli dei telegiornali. Non vedo l’ora che arrivino le prossime – nonché le ultime – due stagioni.

Ps. Vi consiglio anche (sempre su Netflix) la visione di Diana in her own words (2017), documentario che ripercorre l’esperienza di Lady Diana con la famiglia reale, attraverso delle interviste segrete che andarono poi a costituire la sua controversa biografia. Per me, una doccia gelata.


Pensieri ed opinioni su queste serie tv? Consigli su altre serie tv appassionanti ed imperdibili? Fatemelo sapere con un commento qui sotto o con una mail!

-M.

Altre articoli che potrebbero interessarti👇 🎬

Arrivederci, #Venezia78, ciao

Cara #Venezia78,
è giunta l’ora di salutarci.
Ti scrivo una lettera a cuore aperto, nella speranza di rivederci a settembre prossimo con tanto buon cinema, meno timore e, incrociamo le dita, senza mascherine a nascondere le nostre emozioni.

SPECIALE ART-CONTAINER: #Affacciati con Nich Perez

Terzo e ultimo appuntamento con #AFFACCIATI x Art Container🎬
Chiudiamo il cerchio con l’intervista al documentarista e docente americano Nich Perez, vincitore della menzione speciale per il suo docufilm epistolare “Letters: The Art of Grieving” 🎬 💌

SPECIALE ART-CONTAINER: #Affacciati con Adolfo di Molfetta

#AFFACCIATI x Art Container, capitolo 2. Durante il festival abbiamo intervistato Adolfo di Molfetta, un talento eccezionale dell’animazione 2D, nonché vincitore della menzione Art Container per THE N.A.P., il suo cortometraggio animato.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: