“God, I wish somebody would’ve told me / When I was younger that all bodies aren’t the same”.

Alte, magre, perfettamente all’interno dei canoni di bellezza delineati dalla società: vi presento le Victoria’s Secret Angels.

Ma chi sono questi “angeli”? Cos’è Victoria’s Secret?

Victoria’s Secret è un marchio statunitense di abbigliamento femminile, conosciuto soprattutto per creazioni di lingerie sexy e provocanti. Nel 1970, Roy Raymond decide di creare una linea di intimo femminile, arrivando a fondare nel 1977 la società “Victoria’s Secret”. Nel 1982 Raymond cede la sua società, che stava iniziando a diventare sempre più famosa, all’imprenditore Leslie Wexner: con lui Victoria’s Secret diventa conosciuta a livello globale.

Tra il 1990 e il 2000 il brand organizza sfilate in diretta mondiale, le “Victoria’s Secret Fashion Shows”, per promuovere le ultime collezioni grazie a delle modelle che incarnano perfettamente gli ideali di bellezza stereotipata, quindi alte, estremamente magre, senza imperfezioni, etc. Il loro segno caratteristico è un paio di ali d’angelo, da cui poi il nome “angels”.

Victoria’s Secret è stata poi oggetto di numerose accuse, scandali e azioni legali, conoscendo dal 2016 una grave crisi economica. Infatti, il movimento MeToo, o sui social #metoo, ha voluto rivelare al mondo la realtà coperta dalle ali degli angeli, cioè una realtà basata su abusi e molestie anche sessuali; discriminazione nei confronti di alcune modelle che non rientravano nell’immagine del corpo irreale creata da Victoria’s Secret; mercificazione del corpo femminile, visto come manichino sessualmente attraente per le ultime creazioni del brand, e molto altro ancora.

Ora vi potreste chiedere: cosa c’entra Victoria’s Secret con la rubrica della musica?

Jax, Victoria’s Secret, 2022

A giugno 2022 è uscita una canzone della cantante e influencer Jax, intitolata proprio “Victoria’s Secret”. Jax, in un’intervista, ha detto di aver scritto la canzone per una bambina a cui fa baby-sitting proprio perché la ragazzina era stata vittima di bullismo in quanto ritenuta “grassa”.

Presa dalla rabbia, Jax le ha scritto e dedicato questa canzone, un inno contro il canone di donna perfetta delineato, tra tanti, da Victoria’s Secret. Jax ha anche rivelato di aver sofferto di disturbi alimentari, di aver disperatamente provato a raggiungere l’ideale di bellezza socialmente accettato: Photoshop, itty bitty models on magazine covers / Told me I was overweight / I stopped eating, what a bummer / Can’t have carbs in a hot girl summer.

Dopo aver espresso tutti questi sentimenti di rabbia, rivincita e body positivity nel testo, Jax ha pubblicato un estratto della canzone su Tiktok e nel giro di poco tempo questo è diventato virale, raggiungendo le 20M views. Molte persone, infatti, hanno iniziato a creare tiktoks e reels aprendosi e raccontando la loro esperienza personale, di come sono state vittime di disturbi alimentari, dismorfia, ansia nel mostrare il proprio corpo, etc.

Jax nella sua canzone denuncia l’idea di ragazza perfetta, un’idea di perfezione fabbricata, tra l’altro, da uomini. I know Victoria’s secret/ And girl, you wouldn’t believe / She’s an old man who lives in Ohio/ Making money off of girls like me.

È incredibile come ancora nel 2022 ci sia questo ideale irraggiungibile di perfezione, a causa del quale non rientrare nei canoni significa essere meno in quanto persona.

La moda dovrebbe essere inclusiva, accogliere e modellarsi alle richieste di tutti, indipendentemente dalla taglia, dal peso, dall’altezza, dal colore, etc. È l’abito che deve adattarsi al corpo e non viceversa.

Come stiamo crescendo le nuove generazioni se gli facciamo capire, direttamente o indirettamente, che loro non vanno bene se non rispettano determinati criteri? Criteri che sono quasi impossibili da raggiungere. E quindi ecco sorgere i vari problemi: mancanza di autostima, ansia sociale, dismorfia corporea, disturbi alimentari, insicurezza, etc.

Se vuoi ci sono alcuni esempi qui, qui e qui.

Qualcuno potrebbe ribattere dicendo che nel 2021 Victoria’s Secret ha deciso di abolire le modelle Angels e di far sfilare donne scelte per il loro talento, intraprendenza e dedizione, promuovendo una moda inclusiva. Bellissimo, è vero. La domanda è: questo cambiamento è stato spinto da un desiderio di rendere Victoria’s Secret aperta a tutte e tutti o è una strategia di marketing?

I wish somebody would’ve told me that thighs of thunder

Meant normal human thighs

The fucking pressure I was under

To lose my appetite

And fight the cellulite with hunger games like every night

Come ha detto Jax nell’intervista, il punto è che il corpo perfetto non esiste.

Chi è Victoria? Nessuno di noi, o meglio, tutti noi, nelle nostre perfette imperfezioni.

Quindi, come ha detto la cantante nell’intervista: What’s Victoria’s secret? She doesn’t exist

-Sara

Vi siete persi gli ultimi articoli? Li trovate qui sotto! 😍👇

  • Un viaggio tra i libri con Carlos Ruiz Zafòn
    Avete letto delle collane di libri? Immagino di sì, come immagino che alcuni libri vi siano piaciuti più di altri. È una cosa pensata e detta da molti, giusto: “bello ma non come il primo”? Ecco, oggi vi porto una collana di narrativa dell’autore spagnolo Carlos Ruiz Zafòn, per riflettere insieme a voi sul piacere della lettura e in particolare sulla lettura di collane di libri.
  • «Scoprire il dèmone in ogni cosa»: De Chirico e l’Oltre in mostra a Bologna
    Dal 13 ottobre al 12 marzo a Bologna una grande esposizione su De Chirico e sul suo periodo barocco e neometafisico, da non perdere!
  • Un viaggio architettonico attraverso Calcutta
    Siete appassionati di arte e di tematiche sociali come l’antropologia? Bhadralok Building di Sebastian Rypson è la mostra che riflette l’animo caotico, assurdo e coloratissimo di Calcutta e ciò che rimane dell’architettura Bhadralok.