Bentornat* in questo nuovo episodio di Ti (in)segno una canzone! Oramai è passato più di un mese dalla “settimana santa” della musica italiana. Chiunque ha sicuramente sentito parlare dell’edizione di quest’anno: o perché l’ha seguito, o per le canzoni in radio, o per qualche gossip del festival. Molti, però, sono stati colpiti dal Tango che Tananai ha portato sul palco di Sanremo. Oggi ve lo racconto un po’ (anche in LIS)!

La melodia e le parole aiutano sicuramente il successo che sta riscontrando la canzone, è molto orecchiabile e ti entra in testa senza più uscirne. Ciò che ha avuto più successo è però il suo video: si vedono due ragazzi innamorati che passano del tempo insieme. Ad un certo punto, lo schermo del video si divide a metà, e le vite dei due protagonisti continuano ad allontanarsi sempre più, mentre continuano ad aggiornarsi inviandosi dei messaggi. Vi lascio qui il video.

©️Tananai

Il video è dedicato a Olga, Liza e Maxim: una famiglia divisa dalla guerra in Ucraina perché lui parte in missione, mentre loro partono verso una nuova vita. Guerra che, come tutti sappiamo, è iniziata oramai da più di un anno, senza mai smettere di creare vittime.

A me il video è arrivato dritto al cuore: ci vedo semplicità, verità, amore, in una parola, vita. Ci vedo quello che nella vita di tutti i giorni preferiamo non vedere: le vite cambiate dalla guerra. Le vite di persone, e non numeri, cambiate da questo orrore. Nella vita di tutti i giorni è più facile pensare solo ai numeri: le nostre vite vanno avanti, dobbiamo andare al lavoro, pagare le bollette, gestire le nostre vite, e nel nostro piccolo possiamo fare gran poco, se non niente, per cambiare le cose. A volte, però, è anche giusto soffermarsi e prendersi il tempo per pensare realmente a ciò che sta succedendo, alle vite che si spezzano e cambiano dall’oggi al domani, da un momento all’altro.

Era bello finché ha bussato la police

Tananai, tango

Per questi motivi, e per lo stupore che la canzone mi provoca ad ogni ascolto, ho deciso di renderla protagonista di questo episodio di “Ti (in)segno una canzone”! Questa rubrica è iniziata con un #afroditecelo scritto per caso in occasione del festival di Sanremo, e mi sta permettendo di guardare le canzoni sotto una prospettiva diversa, facendola sperimentare anche a voi. Vi ricordate “scatole” dei Pinguini Tattici Nucleari?

Purtroppo gli ultimi (dis)accordi tra Meta e SIAE hanno colpito anche la rubrica Ti(in)segno una canzone e non possiamo mostrarvi il video con la musica. Nel video qui sotto vi invitiamo quindi a immergervi ancora di più nel mondo dei sordi: solo segni, niente suono (e tanto amore).

Vi aspetto per sapere le vostre opinioni!

Francesca

Ti piace la Musica? Dai un’occhiata agli articoli qui sotto 👇🏻🎶

  • 20s: i migliori anni della nostra vita (?)
    Ci dicono che i 20 anni sono i migliori della nostra vita, ma è veramente così? Molti giovani si sentono persi, affondano in un mare di incertezze, si sentono sempre “indietro” rispetto agli altri e rispetto al tempo, proprio come racconta Bow Anderson nella sua canzone “20s”.
  • #Affacciati con Tullio Garbari
    Tullio Garbari è un pianista di origini trentine e collaboratore al Conservatorio di Innsbruck, in Austria. In questa intervista per #Affacciati ci parla di lui, della sua passione per la musica classica e di come è diventata il suo lavoro.
  • Il tuo oroscopo 2024 secondo le stelle di Afroditelo
    Quale sarà il leitmotiv culturale del vostro 2024? Anche quest’anno, la risposta è nelle stelle di Afroditelo 😉